Liberiamoci dalle automobili

Immaginate se qualcuno inventasse un nuovo sistema di trasporto e dicesse:
“Ho progettato un nuovo modo di spostarsi: è alimentato da combustibili fossili che inquinano la nostra aria. Congestionerà e trasformerà le nostre città al punto da incitare alla rabbia i cittadini. I suoi operatori umani saranno fallibili, uccidendo 1 milione e 350 mila persone in tutto il mondo, ogni anno. Per la maggior parte del tempo, questo macchinario rimarrà inutilizzato, occupando spazio inutilmente e aumentando i costi delle abitazioni. Se sei giovane, vecchio o con disabilità, non puoi usarlo. E per quelli che possono, il privilegio costerà 5.000 euro all’anno e risucchierà due anni della tua vita. “

Direste: “Sei pazzo”.
Eppure, eccoci qui, viviamo in uno stato di dissonanza cognitiva esattamente con questo macchinario, l’automobile, come il nostro principale mezzo di trasporto.

Related articles

Male le quattro ruote, ma tre sono sehr gut! I tedeschi salgono a bordo delle cargo bikes.

Mente Berlino prova a favorire il passaggio a trasporti ecologici, la gente preferisce la bicicletta, non l’auto elettrica e la cargo bike sta diventando uno status symbol. In un angolo alla moda della capitale della Germania, la “nazione automobilistica” d’Europa, i genitori che raccolgono o lasciano la prole costeggiano un famoso parco giochi con veicoli […]

La libreria del Teatro è un nuovo Tuttinbici Point

Da dicembre la Libreria del Teatro in via Crispi a Reggio è un nuovo TUTTINBICI POINT. Dato che si trova in città in posizione centralissima diventa un comodo punto di riferimento per chiunque abbia bisogno dei servizi di Tuttinbici: tesseramento, gadget, documentazione.  Inoltre è disponibile l’”Almanacco dei ciclisti illuminati” di Ivanna Rossi e Gianfranco Fantini. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.