Menu

Città30, la posizione di FIAB

città30

Visto il grande dibattito acceso di recente sulla Città30, abbiamo pensato di fare un po’ di chiarezza pubblicando due documenti ufficiali redatti da tecnici FIAB e da altri esperti di settore.

CITTÀ30: CONVENIENZA E FALSI MITI

Il primo documento è stato redatto da Edoardo Galatola (Analista di Rischio Responsabile Sicurezza FIAB). Parte dall’articolo 1 del Codice della Strada, che chiaramente parla di sicurezza stradale, mobilità sostenibile e riduzione dei costi sociali del traffico, degli incidenti e di migliorare la qualità della vita dei cittadini. Attraverso una serie di dati smonta alcuni falsi miti e fornisce elementi utili al dibattito.

CITTÀ30 – IL VADEMECUM

Il secondo documento nasce dalla collaborazione tra lo stesso Galatola e Andrea Colombo (Consulente esperto di mobilità sostenibile, sicurezza stradale e spazio pubblico), con il contributo di altre associazioni: Legambiente, Salvaiciclisti, FIAB, Kyoto Club, ASVIS, ANCMA, Clean Cities Campain, Fondazione Michele Scarponi, Vivinstrada.

Città30 non è estremismo ideologico, ma applicazione di quanto indicato da OMS, codice della Strada e indicazioni del MIT.

Articoli correlati

Pillole di ciclabilità

Ritornano le “Pillole di Ciclabilità”, il progetto realizzato grazie al supporto del Gruppo Tecnico (Centro Studi) FIAB. Si tratta di pillole formative su vari temi legati alla ciclabilità.Verranno pubblicate ogni martedì e saranno sempre consultabili sui canali Facebook, YouTube e Instagram di FIAB nazionale. https://www.facebook.com/watch/164581296912957/662448564595714 Programma3 novembre: Galatola – Casco: Obbligatorio o no? 10 novembre: […]

Emergenza mobilità dopo Covid-19

Le proposte di associazioni su mobilità intra e post COVID

FIAB, di concerto con numerose altre associazioni e realtà impegnate per la mobilità sostenibile, ha inviato alle istituzioni il documento che segue, con importanti richieste per la gestione della fase 2 post-Covid. FIRMA la petizione su Change.org e condividila. MobilitàEmergenzaCovid19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *