AAA aziende virtuose cercasi

bike to work

In che modo le aziende possono promuovere gli spostamenti casa-lavoro in bicicletta dei propri lavoratori?

A questo proposito segnaliamo una interessante proposta apparsa sulla rivista Altraeconomia il 17 novembre scorso a firma di Domenico de Leonardis: a causa del lockdown, importanti risorse che le aziende destinavano ai propri dipendenti sotto forma di ticket restaurant sono rimaste inutilizzate. Pertanto, le aziende potrebbero destinarle a incentivare il bike to work dei propri lavoratori. Si tratta di risorse che le aziende hanno già messo a bilancio e le aziende da una parte promuoverebbero pratiche di mobilità sostenibile e dall’altra avrebbero un ritorno sugli aspetti di “corporate social responsability” valorizzando per esempio la COevitata. 

In questo modo il lavoratore che sceglie la bici come mezzo di trasporto potrebbe maturare mediamente intorno ai 50 euro al mese (considerando una decina di chilometri al giorno).

Trovate la proposta integrale a questo link:

 

Related articles

Restiamo in casa, pensiamo al dopo

In questi giorni così diversi dall’ordinario, in cui tante famiglie vedono travolta, in modo più o meno drammatico, la propria vita, per chi ha la fortuna di patire solo l’azzeramento delle relazioni sociali è periodo di maggiori frequentazioni dei social (fin troppo, per molti di noi). E così, immersi in questo oceano di foto, poesie, […]

bellissime in bicicletta

Bellissime in bicicletta

Sabato 12 giugno abbiamo fatto il nostro dovere: rinfrescato la memoria della storia recente della città, di lotte e di conquiste delle lavoratrici del tessile. Tutto ciò grazie alle preziose testimonianze di Piera Vitale per Bloch e Max Mara, Edda Montecchi per Confit, ed Elena Strozzi di CGIL per il racconto sulla filanda di via […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.