La Baracchina di Piero

L’ANPI Sezione di San Pellegrino e l’Associazione Fiab Tuttinbici hanno ripulito e ritinteggiato la “baracchina” in legno di piazza Lepanto a Reggio Emilia, per oltre quarant’anni officina di Piero Canovi, già operaio delle Reggiane, antifascista combattente partigiano (fece parte del Commando dei Gufi Neri nel combattimento di Botteghe d’Albinea). Qui Canovi ha svolto il mestiere di meccanico-ciclista.

La sua onestà e competenza, gli era valsa la stima affettuosa di più generazioni di cittadini; il suo carattere schiettamente popolare ancorché burbero, non incline alle piaggerie, portava a ritrovarsi in luogo tanta gente a discutere con lui di “come va il mondo” ad ogni ora della giornata.

Un luogo di servizio a disposizione dei concittadini ciclisti, ma anche di socializzazione spontanea, “identitario” come poteva accadere un tempo anche dalle nostre parti. Una identità pre-esistente poiché la storia della “baracchina” precede Piero; è stata sede di un fabbro ferraio ed ancor prima, testimonianze verbali rimandate da chi ci ha preceduti ed oggi non è più, riferiscono di un maniscalco, attento al traffico di carri e calessi.

Con questa azione, spiegano Anpi e Tuttinbici, “le due associazioni intendono sollecitare il Comune al recupero della struttura con funzione di ritrovo sociale aperto a tutte le iniziative del volontariato civile nonché presidio di promozione della “cultura della bicicletta”. In tal senso sappiamo di parecchie manifestazione di interesse dovute alla posizione di massima visibilità pubblica e di vicinanza alla ciclopedonale del Crostolo fruita da gran parte della cittadinanza”.

Per informazioni scrivere a anpi.sanpellegrino@gmail.com e gianfranco@tuttinbici.org

Related articles

BICICLETTE AL SICURO

Quando lasciamo “un attimo” la bici in cortile, o per entrare in un negozio, o la parcheggiamo a scuola o in un parco, ci coglie spesso il timore di non ritrovarla al nostro ritorno. E’ vero, purtroppo, che la criminalità ha a disposizione mezzi e strategie a volte difficilmente contrastabili, ma il nostro comportamento è […]

Meno furti per le bici con la targhetta Easytag

Ogni anno in Italia vengono rubate circa 320mila biciclette e il timore del furto, subito dopo la paura di essere investiti, è il maggiore deterrente all’uso della bicicletta. Non c’è quindi soluzione né difesa a questo problema? E’ appurato che le bici “anonime” (non registrate in alcun registro nazionale) e con antifurti economici sono di […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.