Menu

Al Credem, fino al 30 aprile, prove tecniche di Bike Hub

La mostra “Giannetto Cimurri: il masseur e le bici dei suoi campioni”, aperta fino al 30 aprile a Spazio Credem di via Emilia San Pietro, non è solo un’esposizione di biciclette e altri cimeli che hanno fatto la storia del ciclismo italiano. Si tratta piuttosto di quello che ci piace definire un piccolo aperitivo del futuro Bike Hub di Reggio, uno spazio (già identificato alla Polveriera e destinato dal Comune a tale scopo) che non solo ospiterà in modo permanente la ricchissima collezione Cimurri, ma che dovrà diventare un laboratorio di promozione, sviluppo e aggregazione del mondo delle due ruote.

Le biciclette che hanno fatto la storia del ciclismo agonistico, quindi, come punto di partenza di un percorso che valorizzi l’importanza del pedalare per risolvere i problemi di inquinamento, traffico e salute che caratterizzano il presente, in modo che il futuro sia migliore.

Godiamoci allora questa mostra, alla cui realizzazione ha collaborato anche FIAB Tuttinbici, in attesa che il Bike Hub diventi una realtà e Reggio la capitale italiana della bicicletta!

Ingresso gratuito previa prenotazione via mail biciincredem@credem.it

Articoli correlati

corsi vacanze viaggi

Corsi, Vacanze e Viaggi: Presentazione Programma 2023

Martedì 24 Gennaio alle ore 20,45 presso il Centro Sociale Orologio, Via J. Massenet 19 – RE si terrà la serata di presentazione del programma di attività per il 2023. I Corsi, le Vacanze, i Viaggi: informazioni ed iscrizioni La serata è aperta a tutti, con possibilità di tesserarsi per chi non l’avesse ancora fatto.

tre serate con FIAB Tuttinbici

Tre serate con FIAB Tuttinbici

Sui temi della Mobilità Ciclistica, contrasto ai Furti e Sicurezza Tutti gli incontri si terranno presso il Centro soc. Orologio – via Massenet, 19 Reggio Emilia Mercoledì 1 Febbraio – ore 21.00IL PIANO GENERALE DELLA MOBILITA’ CICLISTICA:lo strumento previsto dalla Legge 2/2018 per trasformare l’Italia in un paese ciclabilecon: Paolo arch. Gandolfi, uno dei redattori […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *