Sostieni Fiab Tuttinbici! insieme chiediamo spazio ai ciclisti.

Non possiamo ancora pedalare insieme: ma FIAB Tuttinbici, insieme a FIAB nazionale, è più che mai attiva e impegnata per promuovere la transizione verso una forma di mobilità più sostenibile: soprattutto ora, nella “Fase 2”, non vogliamo davvero ritornare alla “normalità” dell’inquinamento dell’aria e del congestionamento del traffico.

In questi giorni, FIAB ha svolto con successo (!) una intensissima e pressante azione di lobbyng nei confronti delle istituzioni (Presidenza del Consiglio, Commissario Emergenza, Ministero dei Trasporti e Regione) per sollecitare interventi (proposte per la Fase 2 della mobilità, richiesta incentivi) e chiedere correzioni a provvedimenti chiaramente sbagliati (chiusura negozi biciclette e riparatori biciclette, apertura delle bike lane a mezzi motorizzati). Anche come FIAB Tuttinbici abbiamo presentato all’assessora alla Mobilità una serie di proposte per la Fase 2 e stiamo preparando le attività e proposte per promuovere la ciclabilità nelle scuole e nella città del post-Coronavirus.

Per questo è FONDAMENTALE IL TUO SOSTEGNO!

Puoi iscriverti o rinnovare la tessera:

Allo stesso modo puoi richiedere l’”Almanacco dei ciclisti illuminati” di Ivanna Rossi e Gianfranco Fantini: la lettura ideale per trascorrere queste ultime giornate di riposo forzato.   

Related articles

I monopattini elettrici a Reggio

L’anno nuovo si apre con una novità importante sulle nostre strade: da quest’anno i monopattini elettrici si possono usare liberamente. La legge di bilancio li equipara infatti alle biciclette. Chi utilizza questi mezzi condivide con i ciclisti l’obiettivo di togliere spazio alle auto per restituirlo alle persone e di rendere le città più vivibili. Anche […]

RISULTATI DEL MONITORAGGIO LUCI

Anche quest’anno i volontari di FIAB-Tuttinbici hanno realizzato la campagna informativa “Il ciclista illuminato”: l’obiettivo era di sensibilizzare i ciclisti all’uso delle luci. In quattro serate (fine novembre e inizio dicembre), i volontari hanno effettuato amichevoli “posti di blocco” per monitorare la percentuale delle bici provviste di illuminazione e di quelle senza e hanno distribuito […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.