Le attività della EUROPEAN MOBILITY WEEK a Trelleborg ispirano una famiglia a passare dall’auto alla bici cargo

Durante l’edizione di quest’anno della EUROPEANMOBILITYWEEK, il Comune di Trelleborg (Svezia) ha lanciato un progetto innovativo in cui ha offerto ai residenti locali l’opportunità di testare una bicicletta cargo elettrica per un massimo di 11 giorni, nella speranza che ciò li incoraggiasse a fare il salto dall’auto alla bicicletta cargo.

Sentiamo Christoffer Pettersson-Hernestig del dipartimento per lo sviluppo sostenibile del comune di Trelleborg, che ci dice di più sulle politiche e sui piani di mobilità sostenibile del comune e cosa ha ispirato questo progetto. Parliamo poi anche con Anna, residente a Trelleborg che, insieme alla sua famiglia, ha preso la decisione di passare dall’auto alla bicicletta da carico a seguito del progetto pilota. Ci parla di ciò che ha ispirato questa decisione e di come il cambiamento abbia influenzato lei e la sua famiglia.

Christoffer, puoi raccontarci com’è la mobilità nel comune di Trelleborg?
Se guardiamo alle statistiche del 2018, possiamo vedere che il mezzo di trasporto più popolare nel nostro comune è l’auto. In effetti, il 67,5 percento di tutti i viaggi viene effettuato in auto, mentre il restante 32,5 percento viene preso da modi di trasporto sostenibili: il ciclismo è il più popolare di questi al 9,7 percento, seguito da camminare (8,4 percento), prendendo il treno ( 8,3 per cento) e infine viaggiare in autobus (5 per cento).

Abbiamo una lunga storia su progetti di mobilità sostenibile qui a Trelleborg e abbiamo messo in atto una serie di politiche e piani ambiziosi. In particolare è nota sono la nostra strategia municipale a favore delle biciclette e il piano per la ciclabilità, attraverso i quali ci siamo prefissati l’obiettivo di diventare il terzo miglior comune ciclabile della regione e di aumentare l’uso della bicicletta entro la fine di dicembre 2020.

Al fine di aumentare l’uso della bicicletta tra i bambini nel comune, abbiamo avviato un programma chiamato “Gite scolastiche sicure”. Il programma prevede venti attività e una serie di iniziative che mirano a rendere più sicuri i viaggi dei bambini nelle scuole.

Quest’anno, durante la EUROPEANMOBILITYWEEK, il comune di Trelleborg ha offerto ai residenti la possibilità di testare le biciclette elettriche da carico: raccontaci di più sul progetto e da dove è nata l’idea.
Di recente abbiamo condotto un sondaggio tra i residenti locali per valutare il loro interesse per le biciclette elettriche da carico. Ciò che abbiamo scoperto è che la stragrande maggioranza degli intervistati era molto interessata, ma i prezzi alti li hanno dissuasi dall’acquisto.

Ispirati da un servizio simile offerto a Helsingborg (Svezia), che consente ai residenti di noleggiare gratuitamente biciclette elettriche, abbiamo iniziato a creare un progetto pilota che consenta ai residenti di Trelleborg di provare gratuitamente una bicicletta da carico elettrica per un massimo di 11 giorni, nella speranza che ciò li motivi a fare il passaggio a lungo termine dall’auto alla bicicletta da carico.

In primo luogo, siamo andati a Helsingborg per scoprire di più su come funziona il loro sistema e in particolare sul loro sistema di prenotazione e-service, in modo da poter riportare questa conoscenza a Trelleborg.

Abbiamo quindi collaborato con il nostro fornitore di servizi elettronici per creare un sistema di prenotazione e collaborato con la biblioteca locale, che ha accettato di assumersi la responsabilità di gestire il prestito della bicicletta da carico agli utenti.

Abbiamo lanciato il servizio il 16 settembre 2019, durante EUROPEANMOBILITYWEEK, con una bicicletta da carico elettrica disponibile per il prestito. Entro la prima settimana di funzionamento, sei utenti avevano già prenotato la bicicletta e alla fine della seconda settimana, tutte le date disponibili per il 2019 erano state prenotate.

Finora, il progetto ha già motivato un utente a passare dall’auto alla bicicletta da carico!

Ispirato dal successo riscontrato, il Comune ha pianificato di espandere il servizio e spera di offrire presto altre due biciclette da carico per i residenti locali da dare in prestito.

Uno dei residenti che è stato motivato a fare il cambio da auto a bicicletta da carico grazie al progetto pilota è Anna Loontjens. Abbiamo fatto qualche domanda anche a lei per scoprire di più su ciò che ha ispirato la sua famiglia a passare dall’auto alla bicicletta da carico e per vedere quale impatto ha avuto sulla loro vita.

Anna, cosa ha motivato te e la tua famiglia a partecipare a questo progetto?
Ero molto interessata all’acquisto di una bici cargo elettrica già da un po ‘di tempo, poiché speravo che potesse facilitare l’andare in giro con mia figlia – mia figlia di 14 anni ha diverse disabilità e ha difficoltà a camminare per lunghi percorsi.

Pensavo che una bicicletta da carico elettrica sarebbe stata una buona opzione per noi, in quanto è qualcosa tra una sedia a rotelle e un’auto. Con una sedia a rotelle non fai molta strada, e andando in auto non ottieni l’aria fresca e l’esperienza esterna. Inoltre, il danno all’ambiente è un fattore davvero preoccupante per me.

Tuttavia, poiché mia figlia è autistica, adattarsi al cambiamento poteva essere difficile per lei, se non le piace qualcosa, non c’è assolutamente modo di convincerla. Questo, oltre al costo di acquisto di una bicicletta elettrica, mi aveva dissuaso dall’acquistarne una.

Quando mio marito, che ha sentito parlare del progetto tramite Facebook, me ne ha parlato per la prima volta, sono stata subito contenta, poiché era il modo perfetto per provare se mia figlia si sarebbe divertita a viaggiare in cargo e-bike prima di investire nell’acquisto.

Dopo aver partecipato al progetto, tu e la tua famiglia avete quindi deciso di passare dall’auto alla bicicletta da carico elettrica. Cosa ha motivato questo passaggio?

Dato che lavoro da casa, non devo necessariamente uscire tutti i giorni, quindi sapevo che l’avrei utilizzata più per avere aria fresca e stare all’aria aperta. Quando ho preso in prestito la bicicletta mi sono resa conto di quanto fosse facile da usare. Non dovevo preoccuparmi del parcheggio, non dovevo preoccuparmi di comprare benzina o diesel, avevo aria fresca, esercizio fisico e sentivo davvero di fare qualcosa di positivo per l’ambiente ogni volta che viaggiavo in bicicletta invece che in auto.

Fare la spesa non è stato affatto un problema. Ci sono voluti solo pochi minuti in più che andando in auto, ho cronometrato. Ma la cosa più importante era quanto mia figlia adorasse andare in bici. Lo vedeva come un’avventura e non vedeva l’ora di viaggiare in bicicletta ogni mattina durante la corsa scolastica. Anche mio figlio va in bicicletta a scuola, quindi è stato divertente andare insieme e mostrargli che non hai bisogno di una macchina – che andare in bicicletta è una buona scelta anche per gli adulti. Mi sembrava di dare il buon esempio anche a lui.

Ho comprato la mia bicicletta da carico elettrica anche prima che fossero trascorsi gli 11 giorni, in modo da non rimanere senza quando avrei restituito quella in prestito. Ho anche fatto questo per assicurarci di avere il tempo di apportare alcune modifiche, in modo che mia figlia potesse entrarci più facilmente.

Per incoraggiare gli altri a passare all’utilizzo di una bicicletta cargo elettrica, cosa diresti?
Dico spesso che tutti possiamo fare qualcosa per l’ambiente. Non posso fare tutto, ma questo posso farlo. Finché il meteo lo permette – un po ‘di pioggia non ci ferma – ed è solo io, o io e mia figlia e dobbiamo andare da qualche parte in città, prendiamo la bicicletta. È più divertente, ci sentiamo più sani e sapere che non stiamo inquinando ci dà davvero una bella sensazione.

Il costo della bicicletta si paga entro un paio d’anni con i soldi che risparmi in benzina e manutenzione. Vado in bicicletta in media circa 10 km al giorno, per due o tre viaggi. A volte facciamo passeggiate più lunghe solo per uscire e sentire l’aria. Adoro davvero la bicicletta – è facile, è divertente ed è il miglior acquisto che ho fatto da molto tempo. Mi sono davvero fatta il miglior regalo.

E, Christoffer, se dovessi incoraggiare altre città a partecipare alla campagna del prossimo anno, cosa diresti?
Se guardi un comune come organizzazione, ci sono molti dipartimenti, parecchi dei quali lavorano in qualche modo con la mobilità o il traffico, o entrambi. Raccomanderei ad altre città, comuni e regioni di invitare tutto il personale chiave che lavora in questi campi nelle loro organizzazioni a riunirsi durante EUROPEANMOBILITYWEEK e compilare tutte le loro attività al fine di mostrare ai cittadini cosa sta accadendo nella loro città.

Ci siamo divertiti a pianificare la nostra campagna EUROPEANMOBILITYWEEK. È stata una spinta per noi e ha reso possibile la creazione di un forum e l’avvio di una discussione sulla mobilità tra i diversi dipartimenti.

Tradotto da https://mobilityweek.eu/news/?c=search&uid=1swE84xS

Related articles

Torna il “ciclista illuminato”

Come gli altri anni ripetiamo la campagna “Ciclista illuminato” per ribadire che per la propria ed altrui sicurezza i ciclisti devono rispettare il codice della strada e quindi anche l’utilizzo degli obbligatori dispositivi di segnalazione luminosa. Una coppia di luci led (bianca per l’anteriore e rossa per il posteriore) costa pochi euro e può salvare […]

Sciopero Globale per il Clima

venerdì 27 settembre si terrà il terzo sciopero per il clima organizzato a Reggio Emilia dai ragazzi di Fridays For Future. FIAB Reggio Emilia Tuttinbici naturalmente appoggia in pieno le rivendicazioni dei ragazzi e per questo abbiamo deciso di partecipare anche a questo terzo sciopero con ancora maggior impegno.E’ sempre più necessario sottolineare come il […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.